Comunicato Stampa

REGOLAMENTO UE IMBALLAGGI: TIBERTO (CONFINDUSTRIA VENEST), «PUÒ AFFOSSARE IL SISTEMA DI RICICLO DI CUI IL VENETO È LEADER E INTERE FILIERE. L’EUROPA CORREGGA IL TIRO» | Convegno Treviso, 22 febbraio 2024, ore 10 (e in streaming)

Comunicato Stampa

REGOLAMENTO UE IMBALLAGGI: TIBERTO, «PUO’ AFFOSSARE
IL SISTEMA DI RICICLO DI CUI IL VENETO è LEADER E INTERE FILIERE. L’EUROPA CORREGGA IL TIRO»

L’appello della Presidente del Gruppo Gomma Plastica di Confindustria Veneto Est al Governo
e agli Europarlamentari veneti in vista della conclusione dei negoziati Ue il 4 marzo.
In Veneto a rischio un comparto con 26.800 addetti e 7,8 miliardi di ricavi, leader di circolarità degli imballaggi.

Giovedì 22 febbraio a Treviso convegno sull’impatto del nuovo regolamento Ue sui produttori
e gli utilizzatori di imballaggi, in collaborazione con Confindustria e Unionplast

(Padova-Treviso-Venezia-Rovigo – 20.02.2024) – Come in un gioco dell’oca, tra aperture e passi indietro, la proposta di Regolamento Ue sugli imballaggi agita gli imprenditori per «i forti timori di pregiudizi irreversibili per la nostra economia». «Un testo che, se approvato, rischia di danneggiare un intero sistema di eccellenza nel riciclo, di cui il Veneto è leader indiscusso, ed intere filiere produttive per la scelta ideologica di penalizzare il riciclo a favore del riuso, incomprensibile sia sotto il profilo ambientale (maggior consumo di acqua ed energia e più emissioni di CO2) che economico».

A ribadire l’allarme e richiamare di nuovo l’attenzione del Governo e degli Europarlamentari del Nord Est, alla vigilia dei negoziati Ue decisivi, è Simonetta Tiberto, Presidente del Gruppo Gomma Plastica di Confindustria Veneto Est. Un comparto nel quale il Veneto è seconda regione in Italia (dopo la Lombardia), con oltre 1.500 unità locali (13% del totale), 26.800 addetti (14,6%) e 7,8 miliardi di euro di fatturato (13,9%).

«L’orientamento che il Consiglio Ambiente dell’Ue ha approvato a dicembre – dichiara Tiberto – annullerebbe decenni di investimenti e progressi per la creazione di un modello italiano di economia circolare (72% dei rifiuti da imballaggio riciclati) che è leader a livello internazionale e va contro l’approccio di buon senso votato dal Parlamento europeo a novembre. La scelta di privilegiare il riuso rispetto al riciclo e di imporre obiettivi di riutilizzo obbligatori danneggerà il sistema veneto di raccolta differenziata e riciclo e metterà a rischio intere filiere, dall’agroalimentare (30% del Pil nazionale), al legno-carta, oltre alla plastica. L’ultima spiaggia è il negoziato tra Consiglio, Parlamento e Commissione Ue, il Trilogo, alla stretta finale il 4 marzo, per il quale c’è grande apprensione. Non possiamo che rinnovare l’appello al Governo e agli Europarlamentari a far fronte comune, anche con altri Stati membri, per evitare che venga affossato il nostro modello di circolarità degli imballaggi e per una sostanziale rivisitazione del provvedimento, con un maggiore equilibrio e flessibilità. Ne condividiamo gli ambiziosi obiettivi ambientali, ma vanno raggiunti insieme al mondo imprenditoriale, non contro».

L’impatto del provvedimento sui produttori e gli utilizzatori di imballaggi (dall’industria ai consumatori), le criticità e le prospettive per il settore della plastica e le proposte di emendamento, saranno al centro dell’incontro su Nuovo regolamento Ue sugli imballaggi e sui rifiuti da imballaggio: aggiornamenti e prospettive organizzato dal Gruppo Gomma Plastica di Confindustria Veneto Est, in collaborazione con Confindustria e Unionplast, che si svolgerà in forma mista (in presenza e in collegamento) giovedì 22 febbraio 2024, alle ore 10.00 a Palazzo Giacomelli a Treviso (Piazza Garibaldi, 13).
Aprirà i lavori la Presidente del Gruppo Gomma Plastica di CVE, Simonetta Tiberto. Seguiranno gli interventi di Libero Cantarella Direttore di Unionplast (Il settore della plastica: situazione attuale, criticità e prospettive anche alla luce dei nuovi provvedimenti nazionali ed europei), Marco Ravazzolo Direttore Area Ambiente e Sostenibilità di Confindustria (La posizione di Confindustria sulla proposta di regolamento e le azioni svolte a livello nazionale ed europeo a tutela del Sistema Italia) e dell’imprenditore Luca Iazzolino del Comitato Tecnico Ambiente di Confindustria (La proposta di regolamento PPWR con particolare riferimento agli imballaggi in plastica).

LA STAMPA è INVITATA A PARTECIPARE
Puoi confermare la tua partecipazione, in presenza o in collegamento on line, al seguente link.

_______________
Per informazioni:

Comunicazione e Relazioni con la Stampa
Sandro Sanseverinati – Tel. 049 8227112 – 348 3403738 – s.sanseverinati@confindustriavenest.it
Leonardo Canal – Tel. 0422 294253 – 335 1360291 – l.canal@confindustriavenest.it
Alessandro Macciò – Tel. 049 8227409 – 334 6198995 – a.maccio@confindustriavenest.it


Allegati:

SERVIZIO DI RIFERIMENTO

Relazioni con la stampa, comunicazione e studi
stampa@confindustriavenest.it

Ricerca avanzata

©2024 Confindustria Veneto Est - c.f. 92293280282 - Via Masini, 2 Padova - mail info@confindustriavenest.it